Welcome!

Benventi su aianola.it!

venerdì 27 marzo 2015

I nostri associati impegnati nel week-end!

Qui di seguito vengono riportate le designazioni dei nostri associati nel prossimo week-end.

A tutti loro va il nostro "in bocca al lupo"!!!

Clicca sull'immagine in basso per visualizzarle.





martedì 24 marzo 2015

Trionfo Cimitile: la favola della "Cenerentola" diventata "Regina"!

Il finale che non ti aspetti: Cimitile regala una sonora lezione a Pomigliano nella finale della IV edizione del Trofeo "G.Montella" di calcio A5 sezionale: 7-3 il risultato finale, con la coppia Napolitano-Arminio che ha letteralmente frantumato la fragile resistenza di Buonocore & co. Una partita che ha regalato equilibrio fino al 10' del secondo tempo, minuto dopo il quale decide di salire in cattedra Michele Napolitano: assist, goal e tanta grinta, per il leader indiscusso di una squadra che ha visto nei fratelli Angelillo, Mario Giugliano, Giovanni Auriemma ed Elia Lenzi, dei fantastici combattenti. Menzione speciale anche per Arminio, appena tornato dal freddo nord, giusto in tempo per alzare un altro, l'ennesimo, trofeo. Un applauso va comunque a Pomigliano, che ha fatto a meno della solita grinta, offuscata dalla fame di vittoria dell'avversaria. A nulla sono valse le grandi prestazioni di Romano Domenico in attacco ed Andrea D'Avino tra i pali, un vero gatto, seppur impotente, di fronte la furia rossoblu. Una quarta edizione, dunque, che ha regalato la quarta vincitrice diversa, una per ogni stagione: l'albo adesso va aggiornato, con Cimitile che segue, in ordine di tempo, Casalnuovo, Cicciano e Pomigliano. Un applauso va fatto a tutti i partecipanti, correttissimi anche grazie all'ottima direzione di gara dei sigg. Beneduce Giovanni e Romano Emilio, Encomiabile, infine, il pubblico, spettacolare nell'incitare e nel ridere dei e con tutti i partecipanti alla finale. Un altro epilogo di successo per una bella realtà come il nostro torneo sezionale.

sabato 21 marzo 2015

I nostri associati impegnati nel week-end!

Qui di seguito vengono riportate le designazioni dei nostri associati nel prossimo week-end.

A tutti loro va il nostro "in bocca al lupo"!!!

Clicca sull'immagine in basso per visualizzarle.






giovedì 19 marzo 2015

Pomigliano domina, Cimitile sorprende: che finale sarà?

La IV edizione del Trofeo "G.Montella" (torneo di calcio A5 sezionale) sta per avere il suo epilogo: un finale thrilling quello regalatoci dall'ultima semifinale disputatasi ieri, dove Cimitile ha eliminato la super favorita Cicciano, l'unica nelle precedenti edizioni ad essere sempre giunta in finale. Il punteggio finale (3-2) ha comunque rispecchiato l'andamento del match, con Cimitile a giocare con grinta, carattere e tanta forza di volontà e Cicciano, un po' spenta nei suoi uomini chiave, forse appagata dal pronostico favorevole. I marcatori per Cimitile sono stati Angelo Angelillo ed Elia Lenzi, mentre la seconda rete è stata opera di Emilio Romano con un'autorete. Per Cicciano a segno, invece, Alessandro Fusco e Geremia De Capua. Nell'altra semifinale, vittoria netta di Pomigliano, che ha disintegrato Acerra con un perentorio 10 a 3. Mattatore di serata Domenico Romano, autore di 5 reti. Gli altri marcatori sono stati: Guido Buonocore, con 2 reti, Antonio Piccolo, con 2 reti ed infine Giulio Amelia con una rete. Da sottolineare, nel match, la grande correttezza tra le due squadre, ma anche l'arrendevolezza con cui Acerra (che è andata a segno con Vincenzo Guadagno Sr, Michelangelo Caliendo e Stefano Serpico) ha accettato il verdetto, senza mai veramente combattere contro la corazzata Pomigliano, che a questo punto si candida a fare il bis dopo la vittoria della scorsa edizione. Ora ci si domanda che tipo di finale ci troveremo a vivere, con Pomigliano ad avere dalla sua l'esperienza e la tecnica di gente come Buonocore, Romano e Piccolo, e la solidità difensiva garantita da Virgilio, Amelia e D'Avino. Per Cimitile si aspetta il ritorno in campo di Michelangelo Arminio, che insieme a Michele Napolitano potrebbe formare una coppia davvero temibile, aggiunta ad un collettivo solido formato dai fratelli Angelillo, Elia Lenzi e dal portiere Giovanni Auriemma. Insomma, una finale a sorpresa che, siamo sicuri, regalerà sempre più prestigio al nostro torneo di calcio A5 sezionale: appuntamento, per tutti gli Associati, martedì 24 marzo 2015 alle ore 20, campo San Bartolomeo di Cicciano.

mercoledì 18 marzo 2015

Riunione Tecnica di Pasqua: 3 Aprile!

Si comunica che la prossima Riunione Tecnica Obbligatoria si terrà il giorno venerdì 3 Aprile 2015, occasione nella quale gli associati avranno modo di scambiarsi gli auguri pasquali.

giovedì 12 marzo 2015

La visita C.R.A.: uno schietto confronto

Si è da qualche ora conclusa la Riunione Tecnica Obbligatoria dell'11 Marzo, che ha visto nella nostra sezione la presenza dell'intera commissione del Comitato Regionale Arbitri campano, guidata dal Presidente Virginio Quartuccio. Serata molto gradevole per tutti i presenti, che hanno potuto apprezzare la dote più in vista di questa commissione, la schiettezza, un campo sul quale anche il Presidente "di casa" Severino Vitale, trova precisa collocazione. Proprio il Presidente "ospitante" ha voluto dar inizio all Riunione, dedicando un momento di raccolta e silenzio a Luca Colosimo, giovane arbitro della Sezione di Torino, la cui scomparsa ha lasciato l'intera Associazione in un mesto e sentitissimo cordoglio. E proprio da qui, ha poi preso le mosse l'intervento di apertura del Presidente Vitale: "Episodi come questi non devono e non possono essere messi in preventivo dalla nostra Associazione. Seguire una passione e fare sacrifici, non devono prescindere mai dall'incolumità fisica dei nostri ragazzi. E per questo è necessario ripensare, rivedere, rimodulare tutto il discorso che in questi mesi si sta facendo sugli ormai noti "tagli economici" che tutte le componenti dell'Associazione stanno subendo. Perché i ragazzi hanno tutto il diritto di coltivare un sogno, senza avere il peso di quanti chilometri fare con l'auto o a quale tarda ora rientrare nelle proprie abitazioni". Ed a chiusura dell'intervento, poi, parole di elogio per il C.R.A., con una preghiera: "Quello che ho apprezzato in Virginio e in tutti i componenti, è la schiettezza con la quale parlano agli associati. Ed anche dal sottoscritto e dalla Sezione di Nola, è garantita la massima chiarezza nell'ammettere che ci possono essere annate senza particolari ambizioni, ed altre annate dove possono esserci anche più ragazzi pronti al salto di categoria. Chiedo però un confronto sempre costante, su tutte le situazioni: perché se il C.R.A. pone all'attenzione di un Presidente delle problematiche, lo stesso potrà intervenire e correggere il tiro attraverso un lavoro sui propri associati". Spazio quindi al Presidente del.C.R.A. Virginio Quartuccio, che ha ringraziato Severino Vitale e la sezione di Nola per il lavoro svolto ed ancora da svolgere: "A Nola il C.R.A. Campania sa di avere un crocevia importante. Grazie alla collocazione geografica è spesso richiesto da questo C.R.A. a Severino l'impegno di ospitarci presso la sezione per i vari raduni stagionali, e puntualmente troviamo risposte veloci ed efficienti. Di questo non possiamo che rendere omaggio a tutta la vostra splendida sezione". Poi spazio agli argomenti più disparati: "Ho fatto già più volte presente alla Federazione, che sui limiti chilometrici, non è possibile pretendere che i ragazzi viaggino in un raggio territoriale così breve. Così non può esservi crescita, perché i ragazzi non vivono le diverse realtà di una regione che, per le proprie caratteristiche fisiche, non può essere coperta dalle designazioni così come impostoci". Ed ancora: "Questa è una regione che sta crescendo, basti guardare ai Carmine Russo, ai Marco Guida e ai Fabio Maresca giunti in serie A. E nella speranza che si possa ripetere il periodo dei 7 campani nella massima serie, il mio desiderio è di vedere una crescita costante di tutti voi. Ma si cresce nel momento in cui riusciamo a remare dalla stessa parte, nel momento in cui riuscite a seguire quello che vi viene detto, da noi e dalla vostra sezione". Spazio poi agli altri componenti del C.R.A. ai quali Virginio ha lasciato la parola, per riassumere il quadro generale riguardante la Sezione di Nola, incoraggiante in prospettiva, ma con qualche pecca nell'immediato: così Massimo Costa per la Promozione, Ciro Pegno per gli Osservatori, Mario Pacifico e Giuliana Guarino per gli Assistenti, Vittorio De Simone per la Prima Categoria, Oreste Alfano per il Settore Giovanile e Mario Rossi per il Calcio A5. Tutti hanno espresso soddisfazione per il lavoro degli arbitri di Nola, a cui viene richiesto ora il salto di qualità, la maturazione definitiva per ambire a traguardi ancora più prestigiosi. La serata si è poi conclusa con uno scambio di "cortesie" tra i due Presidenti: infatti, Virginio Quartuccio ha donato a Severino Vitale una felpa personalizzata che il C.R.A. ha preparato per tutte le 17 sezioni campane, ed il Presidente Vitale ha ricambiato, facendo omaggio all'intera commissione di una confezione di pasta artigianale. Spazio infine ai saluti finali, ed al "in bocca al lupo" di rito, con il C.R.A. che con questa chiude il proprio "tour" stagionale di visite alle sezioni campane, per un annata che però è ancora ricchissima di impegni, con le impellenti Olimpiadi del Regolamento regionali, le Olimpiadi di Atletica regionali ed il Torneo "Giuseppe Prota" di Calcio A11 tra le sezioni campane, tutti segnali di una regione viva e con tanta voglia di fare.

Raduno OTS di metà stagione: "Obiettivo Qualità"


Non è un mistero che ormai da anni la nostra Associazione, vuoi la crisi che sta vivendo il calcio, vuoi la necessità di un servizio sempre migliore, stia puntando sulla "qualità" dei ragazzi indirizzati alla carriera arbitrale e non più sulla semplice "quantità". Ed il raduno OTS di metà stagione della nostra sezione tenutosi il 10 Marzo scorso è andato proprio in questa direzione, con il Presidente Severino Vitale in primis, ad insistere su un punto fondamentale: chi vuole fare l'arbitro, deve avere voglia di migliorarsi, di rubare dagli altri tutti i minimi particolari, ma soprattutto deve avere voglia di sacrificarsi. Paletto imprescindibile, la preparazione atletica: ed infatti i 53 ragazzi presenti presso il polo C.I.S. di Nola, hanno dato una prima prova, buona ma con ancora dei punti da migliorare, che il messaggio sta passando: soltanto due i casi di test non superati, tra l'altro per infortunio, mentre per il resto, tutti hanno raggiunto almeno l'obiettivo minimo, quello necessario per poter scendere in campo, anche senza "selezionabilità". Terminato il fatidico test atletico, composto come ormai tradizione impone dai 40 metri e dallo YoYo Test, i ragazzi si sono spostati in sezione, dove hanno svolto i quiz tecnici. I risultati sono stati relativamente soddisfacenti, con l'85% dei partecipanti a superare i test con soglia fissata a 6 errori, sulle 24 domande somministrate. Poi spazio alla correzione dei quiz ed alle direttive del Presidente, sulle problematiche vissute fino ad oggi tra gli associati, e le situazioni da attenzionare. Innanzitutto, attenzione alla preparazione atletica: "Non è possibile oggi guardare un arbitro che stona con il contesto in cui opera. Vedo troppo spesso squadre di giovani calciatori che corrono, sprintano, sudano, ci mettono voglia e grinta, e l'arbitro sta li, ad interrompere il gioco, ad arrancare, ad aspettare che l'azione lo superi, per poi cercare di raggiungerla. Per me, chi non ha voglia di correre, chi si mostra svogliato, non può ambire ad alcun traguardo". Poi sul comportamentale: "Vedo ancora ragazzi che arbitrano con la barba, che si presentano presso le strutture in ritardo, che non fanno riscaldamento, che sono in evidente sovrappeso. Continuiamo a ripetere che l'aspetto comportamentale è quel "quid" in più che fa la differenza tra un arbitro mediocre ed uno che vuole arrivare. E fin quando i comportamenti non si allineeranno a ciò che viene da noi richiesto, non si farà mai strada". Infine uno sprone per tutti: "Alla fine la differenza la fa il vostro desiderio di raggiungere grandi traguardi, la vostra fame di arbitraggio. Ci sono ragazzi che hanno iniziato da poco ad arbitrare, ma che hanno mostrato subito la scintilla necessaria. Ovvio, non sapranno ancora arbitrare, ma hanno dato il segnale giusto: si cerca la qualità, ma si parte sempre e solo dalla vostra ambizione".

martedì 10 marzo 2015

Ciao Luca, traccia di un solco tra passione e sacrificio

Ci ripetiamo ogni giorno che lo sport è sacrificio, dimenticando con troppa facilità la leggerezza che dovrebbe accompagnarne ogni attimo.
Ancor di più sacrificato appare essere il "nostro" sport, sempre più bersagliato, sempre più bistrattato, sempre più svenduto alla mercé di chi ama giudicare, senza conoscerne nemmeno le origini o, forse, volutamente ignorandole.
Mai sacrificio fu così grande, quello del nostro giovane collega Luca Colosimo, della sezione di Torino, tragicamente scomparso nel suo post-gara più doloroso.
Non il primo per la nostra categoria, che si è abituata a parlare di sacrifici con sin troppa semplicità. Un fischio, il dissenso del pubblico, quello dei calciatori, e dei vari dirigenti. Un altro fischio, e via con la corsa, la fatica, il sudore, ed ancora, il sacrificio.
Tanti, tutti noi, ci stiamo chiedendo in queste ore, se ne valga davvero la pena. Tanti, moltissimi, hanno vissuto gli stessi attimi di Luca, scappando a casa dopo una gara, pensando alla famiglia in attesa del proprio campione, ad un lavoro pressante che non aspetta e non ammette questa passione, agli impegni che si affiancano a questo nostro particolare mondo, e che sempre meno ci lasciano conciliare il fischio della domenica con le impellenze del lunedì.
E allora corri, sudi, arranchi, ma alla fine ti rialzi, sempre per un solo, inspiegabile tumulto: il tornare in campo, senza pacche sulle spalle, senza trofei ad aspettarti, senza riconoscimenti troppo scintillanti, ma con la certezza di aver dato il massimo, tra una spinta, una protesta, un sorriso.
E' arrivato, su questi campi, il momento di salutarti, Luca: per chi ha avuto modo di conoscerti, ragazzo dal sorriso avvolgente e dalla umile tenacia, di chi conosce i propri mezzi, ma li mette al servizio di una passione, di un'Associazione, la Nostra.
La stessa Associazione che oggi ti riconosce questo tributo, mai troppo grande per poter veramente renderti omaggio. Ma ti assicuriamo, estremamente sincero: di chi non potrà dimenticare questa sensazione di vuoto, di debolezza, di angoscia, che servirà a tutti come assordante eco, per ricordarci la differenza, la vera differenza, tra passione e sacrificio.

Ciao Luca, che il tuo ricordo ed il tuo esempio, non permettano mai più nessun altro triplice fischio.

Gli Arbitri di Nola.

venerdì 6 marzo 2015

I nostri associati impegnati nel week-end!

Qui di seguito vengono riportate le designazioni dei nostri associati nel prossimo week-end.

A tutti loro va il nostro "in bocca al lupo"!!!

Clicca sull'immagine in basso per visualizzarle.





lunedì 2 marzo 2015

Raduno OTS di metà campionato!

Si comunica agli associati che il giorno martedì 10/03/2015 si terrà il raduno OTS di metà campionato.
Alle ore 16 ci saranno i test atletici presso il campo C.I.S. di Nola e successivamente, dalle ore 18, presso la Sezione in via A.Binni 7, si terranno i quiz tecnici.
Si ricorda che la presenza è obbligatoria, e che l'assenza o il mancato superamento dei test comporta l'automatica sospensione dall'attività agonistica.
Gli associati che dovranno partecipare al raduno riceveranno al più presto una mail di conferma sul sistema Sinfonia4You.